PRODUZIONI | COMEDY

MONTANINI E FABBRI - LIVE

Biografia

Giorgio Montanini: Stand-up comedian, autore e attore. Ha debuttato a teatro con L’Edipo Re di Sofocle nel 2004 per la regia di Franco Branciaroli. Successivamente ha recitato nei film Questa è la mia terrà 2 e Liberi di giocare. Nel 2008 è entrato a far parte del gruppo Satiriasi, il primo esperimento italiano di Stand Up Comedy. Nel 2011 ha portato in scena in diversi teatri italiani il suo primo spettacolo dal titolo Nibiru e, successivamente, lo spettacolo Un uomo qualunque. Nel 2013, nel programma di Rai2 #Aggratis!, è stato ospite fisso, nonché autore dei testi della trasmissione. Nel 2014 è stato il protagonista assoluto di Nemico Pubblico su Rai 3, la sua prima trasmissione televisiva, scritta con Filippo Giardina, Francesco De Carlo, Paolo Lizza e Giovanni Filippetto. Nello stesso anno, con tutto il gruppo di Satiriasi, ha riscosso grande successo di pubblico su Sky (Comedy Central) con Stand Up Comedy, un programma innovativo che ha portato la stand up comedy in tv. Dato il successo, la trasmissione è stata confermata anche nel 2015. Sempre nel 2014, su Rai 3, ha curato la copertina satirica del talk show Ballarò, in sostituzione di Maurizio Crozza. Dato il successo registrato nella prima edizione, per otto puntate nel 2015, è stato nuovamente il protagonista di Nemico Pubblico, la seconda edizione andata in onda su Rai 3. Successo confermato anche per le due stagioni successive. Ha registrato sold out nei più grandi e prestigiosi teatri italiani con NEMICO PUBBLICO, LIBERACI DAL BENE, PER QUELLO CHE VALE, ELOQUIO DI UN PERDENTE, QUANDO STAVO DA NESSUNA PARTE, COME BRITNEY SPEARS, UNDICEXIMO. Nel 2020 è stato protagonista sul grande schermo dei film di Pietro Castellitto “I predatori” ed “Enea”. E’ stato protagonista anche di altri film: “Grazie Ragazzi” di Riccardo Milani, “Mia” con Edoardo Leo, “Castelrotto” diretto da Damiano Giacomelli. Sarà al cinema anche nell’ultimo film di Valerio Mastandrea. Oggi impegnato nella tournèe del nuovo spettacolo, il suo tredicesimo monologo inedito “C’è sempre qualcosa da bere”.

Daniele Fabbri: classe ‘82, attore, StandUp Comedian, sceneggiatore, fumettista, e podcaster. Diplomato come Attore e Regista presso l’Accademia
Internazionale di Teatro di Roma, è uno dei veterani della scena Standup Comedy italiana. Le sue caratteristiche principali sono una
grande abilità mimica e performativa sulla scena, insieme a un umorismo poliedrico che spazia tra tutti i generi di comicità, senza
distinzioni tra black humor, comicità pop e satira demenziale. Il suo ultimo monologo, Fakeminismo, ha riscontrato un enorme
successo in tutta Italia nel periodo compreso tra il 2019 e il 2021, e lo ha portato a realizzare un TEDx sui temi del femminismo.
Oltre alle numerose apparizioni in televisione e su web, ha scritto 25 spettacoli teatrali, è autore per programmi tv, radio e podcast, e sceneggiatore di fumetti pubblicando tra gli altri per Feltrinelli.

Monologhi

locandina-immagine-spettacolo-teatrale-montanini-fabbri-live-come-jalisse-altrascena-sito-web

Come i Jalisse

Non mollare mai, crederci fino alla fine, contro tutto e tutti.
Sembra un discorso motivazionale per acchiappare like sui social, e invece è un valore sincero, valido nell’arte come nella vita. Peccato che poi i social prendano tutte le cose belle e le facciano diventare di plastica, e lo fanno sia con l’arte che con la vita.
Giorgio Montanini e Daniele Fabbri sono due comici cresciuti quando la realtà contava di più dell’apparenza, hanno imparato a parlare alle persone e a farle ridere non tramite la finzione dello schermo, ma attraverso la verità del palcoscenico. In altre parole sono anziani, cavallo tra un po’ di saggezza e un po’ di mal di schiena.
E anche se viviamo in un momento storico in cui la verità sembra non importare più a nessuno, anche se nella nostra società quello che conta è avere una opinione su tutto pur non avendo idea di niente, anche se la satira moderna si limita a qualche meme e qualche battuta consolatoria, Montanini e Fabbri continuano testardi a portare in scena i loro monologhi satirici pieni di battute e di umanità, perché credono che sia ancora la cosa giusta da fare, e non intendono mollare.
Come i Jalisse.